Conati di vomito dal dentista

Conati di vomito dal dentista: cause e rimedi

I conati di vomito dal dentista sono molto comuni, chiamati in gergo “riflesso faringeo” sono causa di forte disagio nel paziente che deve sottoporsi a una visita odontoiatrica ma a tutto c’è una soluzione.

Riflesso faringeo: che cos’è?

Riflesso faringeo

Il riflesso faringeo è una condizione per cui un soggetto è scosso da conati di vomito in seguito al contatto con un oggetto estraneo vicino al palato, alla lingua o alla gola. Questa condizione di per sé non è invalidante ma potrebbe essere fastidiosa nel momento stesso in cui bisognasse sottoporsi a una visita odontoiatrica. Molto spesso infatti i conati impediscono una visita o un trattamento, anche se c’è una semplice ispezione del cavo orale, una pulizia dei denti fino alle operazioni più complesse.

Il riflesso faringeo è naturalmente fisiologico ed è provocato dalla contrazione della gola in seguito all’inserimento di un oggetto che tocca il palato, la lingua, la tonsilla, l’ugola o la gola stessa. Il riflesso serve ad impedire al soggetto di ingerire corpi estranei o di soffocare in seguito all’ostruzione delle vie aeree.

Ovviamente è logico che il dentista non voglia nessuna delle due ma è un riflesso talmente forte, istintivo e veloce che risulta impossibile da frenare. In alcuni casi, addirittura, i pazienti sono soggetti da una iper-reflessia ovvero un riflesso faringeo più sensibile e aumentato per cui non sarà nemmeno possibile toccare con le dita il cavo orale né tanto meno con uno specchietto o altri strumenti più morbidi e delicati. Si può solo immaginare la sensazione di impotenza di fronte a una condizione del genere ma bisogna capire che non si tratta di semplici moine ma di un sintomo concreto e importante.

Quali sono i fattori che provocano il riflesso faringeo?

Il riflesso faringeo viene attivato da diversi fattori:

    • fattori fisiologici ovvero il contatto dato dagli strumenti del dentista come eventuali sonde, specchietti, trapani, eccetera;
    • fattori farmacologici che causano questa nausea e provocano una difficoltà nel respirare dal naso per cui potendo respirare solamente dalla bocca si ha una accentuazione del riflesso faringeo;
    • fattori psicologici, esistono vere e proprie fobie del dentista che innescano sensazioni quali ansia, panico, impossibilità di respirare o deglutire normalmente, traumi da esperienze di soffocamento/annegamento. Il riflesso del vomito è una conseguenza comprensibile;
    • ci sono però anche fattori non rilevabili, non si capisce quale sia la causa ma il conato si verifica anche se senza presenza di fattori fisiologici o psicologici.

Il primo passo per cercare di risolvere questa situazione è capire quale sia il fattore che innesca il vomito, solamente in seguito si potrà superarlo grazie ad alcuni accorgimenti. In caso di fattore fisiologico è infatti doveroso ricorrere a una sedazione mentre nel caso di una motivazione psicologica può bastare semplicemente parlare con il dentista in modo da superare l’ansia e la paura, chiedendogli di operare in maniera delicata o adottare determinate strategie durante l’intervento.

Come risolvere la situazione?

Nonostante il riflesso faringeo non sia una condizione pericolosa potrebbe rivelarsi un vero e proprio fastidio perché da una parte il paziente non riesce a sottoporsi a nessun tipo di trattamento odontoiatrico e dall’altra il dentista si ritroverebbe a non poter lavorare nemmeno in condizioni di urgenza.

Per questo problema esistono diverse soluzioni, una di queste è la sedazione cosciente o l’anestesia generale. In entrambi i casi il riflesso faringeo viene completamente cancellato per cui si potrà operare in tutta tranquillità, tutte le cure dentali possono essere eseguite in maniera efficace, anche operando più trattamenti in un’unica seduta con il fine di ottimizzare i tempi, il paziente quindi non si troverà a vivere un disagio e un’ansia costante causata dai conati di vomito, questi ultimi non saranno presenti né ci saranno altri dolori percepiti.

sedazione cosciente endovenosa
sedazione cosciente endovenosa

Nel caso della sedazione per via endovenosa, dopo 24 ore si avrà una piena ripresa e nessun effetto collaterale. Oltre alla sedazione cosciente endovenosa esiste anche la sedazione cosciente per inalazione con protossido di azoto attraverso una mascherina.

L’inalazione con protossido di azoto è una forma di sedazione più leggera rispetto la sedazione per via endovenosa.

sedazione cosciente protossido azoto mascherina
sedazione cosciente con protossido di azoto tramite mascherina

Ovviamente l’anestesia generale è l’ultima istanza, attuabile solo per i casi più gravi.

anestesia generale
anestesia generale

Personalmente, come autore di questo sito web, ho abbastanza di questi problemi anch’io dal dentista! Quindi per evitare di andarci troppo spesso, ti consiglio di prestare attenzione con la pulizia dei denti a casa, e per questo ti consiglio DentaPulse (clicca qui per saperne di più) e anche ti consiglio un prodotto che rinforza lo smalto dei denti ed evita le carie, o talvolta possono anche sparire se son piccoline; clicca qui per ordinarlo, oppure clicca qui per conoscere le proprietà sull’olio di fegato di merluzzo, ingrediente appunto contenuto nel prodotto che ti ho consigliato.

In tutti gli altri è possibile anche adottare dei piccoli accorgimenti, ad esempio affidarsi alla respirazione nasale in quanto la respirazione della bocca è una delle cause che può scatenare il conato. Focalizzandosi su di essa, respirando attraverso il naso e optando per respiri molto profondi sì procederà in maniera molto più rilassata rispetto al normale.

Molte persone tendono a ingoiare la saliva durante i trattamenti odontoiatrici ma ciò non è assolutamente necessario in quanto il dentista provvede a inserire una cannula aspirasaliva all’interno della bocca così che il paziente non debba farlo, qualora questo contatto desse fastidio l’assistente può procedere ad aspirare al bisogno e senza lasciare lo strumento in sede. In molti casi però, cercare di ingoiare è un movimento istintivo e che non riesce a essere comandato dal soggetto; il consiglio è quello di sforzarsi e resistere in modo che la cannula faccia il suo lavoro e non si sforzi il cavo orale più di tanto.

Infine qualora il problema derivi da un fattore psicologico, è necessario cercare di pensare a un episodio piacevole o che impegni la mente così da allontanarsi e distogliere l’attenzione da quel momento. Addirittura alcuni indossano un paio di cuffie auricolari per ascoltare la propria playlist preferita o un podcast molto interessante.

Come autore di questo sito, ti posso dire che anch’io ho il problema dei conati di vomito dal dentista quindi so benissimo cosa stai provando e spero che in questo articolo tu possa aver trovato il  rimedio.

Io in prima persona utilizzo la sedazione cosciente per via endovenosa e ho risolto molti dei miei problemi, facendo sedute anche di 3 ore senza nessun problema! Quindi visto che sei stato bravo/a e mi hai letto fino a qui, ti voglio anche dire che io personalmente tengo molto al mio sorriso e ai denti bianchi, e anche te dovresti aver cura dei tuoi denti e rendere il tuo sorriso più bello; quindi non perderti la classifica dei migliori prodotti per sbiancare i denti (clicca qui)

Come funziona la sedazione

In casi gravi la sedazione cosciente endovenosa sembra essere la soluzione più ottimale in quanto il paziente mantiene la sua coscienza ma la sensazione fastidiosa o dolorosa dell’intervento sparisce magicamente.

Nell’anestesia generale la persona viene completamente addormentata per cui non ha alcun tipo di ricordo di ciò che le verrà fatto durante l’operazione mentre con la sedazione avrà comunque il controllo della respirazione pur non provando alcun tipo di dolore né tanto meno l’ansia legata all’intervento odontoiatrico. Può essere definita come qualcosa di talmente blando e leggero da risultare efficace ma non tutti i dentisti la permettono per cui è necessario informarsi preventivamente.

SICURAMENTE TI PUO’ INTERESSARE:

LEGGI ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il rimedio N.1 in Italia per Sbiancare i DentiORDINA ORA (Sconto del 55%)